BEL_2469

Non è bello ciò che è bello…

Avete mai considerato come vi vedono gli altri? Ogni volta che vi preparate, o incontrate qualcuno che vi fa i complimenti, spesso capita che non siete d’accordo e minimizzate. Gli altri hanno una visione d’insieme diversa dalla vostra che vi guardate allo specchio ed hanno anche un senso critico diverso, ecco perché molto spesso non condividiamo l’entusiasmo e il complimento che ci viene fatto. Lo stesso capita a me con i soggetti con cui mi relaziono per lavoro e per decidere il loro make up. Facciamo una distinzione di base: VOI vi truccate come vi piace, provando ad imitare il make up visto sulla rivista di moda portato dalla vostra star preferita; IO che sono una professionista devo rispettare dei canoni, che sono alla base del mio lavoro e della mia professionalità. Preferisco sempre conoscere la persona, parlarci e capire che tipo è, come intende organizzare l’evento che la riguarda (laurea, matrimonio o compleanno che sia), l’abito che indosserà (come stile) e anche gli accessori e la pettinatura. Io devo farmi un’idea ben precisa di una persona che non ho mai visto prima e di cui non conosco nulla. Una chiacchierata, con caffè e la visione di album dei miei lavori può aiutarmi a capire cosa cerca, come vorrebbe vedersi. Qualche volta capita che non approvino inizialmente i miei suggerimenti a cambiare qualcosa nelle loro abitudini del make up, ma soltanto perché l’occhio è un organo abitudinario: ci vede sempre nello stesso modo e, se cambiamo, ci vede “strani”. Un po’ come quando tagliamo i capelli, oppure cambiamo il colore, o usiamo un rossetto diverso dal solito. Ecco, ci vede strani allo stesso modo se chiedo di cambiare abitudine per il make up degli occhi, usare più spesso le lentine (se si decide di non indossare occhiali quel giorno), oppure cambiare il disegno delle sopracciglia. Il mio lavoro consiste nel tirare fuori il meglio di voi stesse, presentarvi come principesse all’evento di cui siete protagoniste, facendovi sentire a vostro agio e non come un pesce fuor d’acqua. Questo fa il professionista a cui vi rivolgete: vi studia; insieme decidete le linee guida del make up (sempre in base alle vostre abitudini) e poi  studia su di voi il make up. Un make up che vi rappresenti, ma che vi contraddistingua e vi faccia principesse per una sera. Questo vuol dire trucco personalizzato, studiato per una di voi  e ogni donna è unica a suo modo. La mia più grande soddisfazione è vedere il vostro sorriso e la vostra gioia. Ho un grande privilegio nella vita, oltre che rendere bellissime le donne, quello di renderle regine della loro fiaba, aiutarle a vivere il loro sogno. Ne sono profondamente onorata anche se è una grande responsabilità. Grazie