sposa

La sposa,il make up e i piccoli segreti.

La sposa, nel giorno scelto, ha certamente un make up particolare, ricercato e curato nei minimi dettagli. Nonostante questo, si può incorrere in qualche errore che è meglio, però, non fare.
Vediamoli nel dettaglio:
– Non essere mai troppo abbronzata! Perché il colorito eccessivamente scuro, per un particolare tecnico fotografico, appiattisce le figure in foto, con il rischio di avere pessimi ricordi.
– Affidarsi ad un professionista e farsi consigliare per il meglio. Tenete conto che quando vi truccare a casa fate ciò che vi piace, il professionista realizza il make up adatto a voi, quindi personalizzato, che punta a migliorarvi, esaltando i dettagli che vi rendendono bellissima.
– Al di là del miglioramento che il professionista realizza, il make up non deve essere troppo diverso da quello della vostra quotidianità, inteso come stile, avete una personalità che dev’essere rispettata.
– Cercate d’immaginare l’insieme di trucco, parrucco e abito, perché provati separatamente sono certamente belli e particolari, ma l’insieme può avere un effetto negativo, risultando molto “pesante”.
– Evitate di usare tinte per le labbra, che tendono ad avere un effetto di labbra screpolate; meglio usare un rossetto e fare il ritocco durante il ricevimento.
– In chiesa è preferibile andare con un make up sobrio. Se si vuole eccedere o fare qualcosa di particolare, si può sempre optare per il cambio trucco durante il ricevimento.
– Ci sono delle necessità tecniche che condizionano il make up, in base alla persona. Ascoltate il professionista, affidatevi e non insistete (matita dentro o fuori l’occhio!).
– Il colore del fondotinta deve “sparire” sul collo,quello sarà il vostro colore perfetto!
– Tenete conto che, nel vostro giorno più bello, avrete un abito molto particolare, sarete pettinate in maniera diversa dal solito e avrete un trucco sofisticato, ma cercate di avere uno stile comune e non eccedere, altrimenti rischiate che lo sposo non vi riconosca.
– Mi permetto di dare un suggerimento agl’invitati: NON baciate la sposa appoggiando le vostre labbra (con il rossetto!) alla sua guancia. E questo non perché si toglie il trucco, ma semmai perché VOI lasciate il timbro delle vostre labbra!
– Non cercate di somigliare ad un’altra persona, chiedendo un make up uguale. Ognuno è unico e la sposa lo è ancora di più!
AUGURI

188788_10200225557786909_359915363_n

Il truccatore…

E’ un professionista specializzato nel make up, che può essere correttivo cine-fotografico, teatrale e di effetti speciali (ferite,tagli). Ognuno di questi tipi di make up segue percorsi formativi diversi non è detto che il truccatore li faccia tutti.

Il teatrale è per qualunque spettacolo si svolga su un palcoscenico, dalla commedia al dramma, alla lirica, come si può intuire dalla parola stessa.

Gli effetti speciali  vengono utilizzati nei film dov’è necessario creare un effetto particolare, che va dall’occhio livido, alla ferita da taglio o da colpo di pistola, per poi finire con gli effetti di fantascienza, dove la trasformazione di un viso può toccare livelli impensabili.

Infine c’è il correttivo cine-fotografico che è quel tipo di make up utilizzato nel cinema (quando vediamo gli attori al naturale), per la tv, ne i servizi fotografici di moda, nei cataloghi e per gli eventi (matrimoni, sposa, compleanni o cene di gala).

La formazione del truccatore è singola, cioè non è legata né al parrucco né all’estetica, ma ovviamente, un parrucchiere o un’estetista possono decidere di arricchire la loro formazione e intraprendere questa strada, frequentando corsi specifici.

Come scegliere un truccatore per un evento? Mica si possono fare un’infinità di prove trucco per capire quale trucco ci piace di più? Si fa prima una ricerca su internet, o si seguono consigli di amiche e conoscenti, si visionano  siti e pagine di Facebook. Dalle foto che vedrete riuscirete a fare già una prima scrematura, poiché ogni truccatore ha un suo stile e se già non vi emozionano le foto che vedrete, allora non è la persona che fa per voi. La seconda scrematura  scende ancor di più nei particolari: disponibilità di data, costi, distanza… per arrivare ad avere 2 o 3 nomi a cui rivolgersi per fare la prova. Il web è una grande lente d’ingrandimento, ci si trova di tutto e voi potete leggere le recensioni, ma anche chiedere a qualche altra persona per conoscenza diretta: è sempre il vecchio passaparola, così avrete maggiori garanzie.

Prima della prova cercate un incontro con il professionista, perché non vi conoscete e se non scatta l’empatia è difficile che vi affidiate alle sue mani. E non abbiate timore a raccontarvi, a fornire qualunque particolare, anche rispetto a eventuali allergie, che possa essere utile al professionista che avrete scelto. Servirà a lui e a voi.

Infine, quando farete la prova, affidatevi e fidatevi del professionista, date qualche concessione per cambiare una vostra abitudine (le matite nere dentro l’occhio sono la nostra bestia nera!), vi ridisegnerà le sopracciglia (questo è un percorso che inizia molto tempo prima dell’evento) e studierà un make up per voi, per il vostro viso, la forma degli occhi e il loro colore particolare. Terrà conto del caldo, delle ore in cui si faranno le foto e il tipo di luce. Dovrà tenere conto delle esigenze del fotografo e del video maker, perché se il trucco è fatto con tecnica e maestria voi avrete delle foto strepitose. Gli operatori potranno scattare in qualsiasi momento e voi sarete sempre perfette. Ecco perchè è importante avere un buon trucco, per base, resistenza, copertura e correzione. Questo si ottiene con prodotti HD  e professionali, che non si trovano nelle comuni profumerie. L’insieme sarà stupefacente, certamente diverso dal vostro make up quotidiano. Certamente non sarà il  make up  per andare a fare la spesa o andare in pizzeria, ma è il trucco studiato per far sì che chi vi vedrà, in quella particolare occasione, resti senza fiato, vi vedrà bellissime e sarà pronto a farvi vivere la favola dove voi sarete le principesse!

Ricordate che per voi sarà la prima volta, ma i professionisti sanno bene cosa fare per ottenere foto e video al top.

 

 

 

 

 

 

 

 

BEL_2469

Non è bello ciò che è bello…

Avete mai considerato come vi vedono gli altri? Ogni volta che vi preparate, o incontrate qualcuno che vi fa i complimenti, spesso capita che non siete d’accordo e minimizzate. Gli altri hanno una visione d’insieme diversa dalla vostra che vi guardate allo specchio ed hanno anche un senso critico diverso, ecco perché molto spesso non condividiamo l’entusiasmo e il complimento che ci viene fatto. Lo stesso capita a me con i soggetti con cui mi relaziono per lavoro e per decidere il loro make up. Facciamo una distinzione di base: VOI vi truccate come vi piace, provando ad imitare il make up visto sulla rivista di moda portato dalla vostra star preferita; IO che sono una professionista devo rispettare dei canoni, che sono alla base del mio lavoro e della mia professionalità. Preferisco sempre conoscere la persona, parlarci e capire che tipo è, come intende organizzare l’evento che la riguarda (laurea, matrimonio o compleanno che sia), l’abito che indosserà (come stile) e anche gli accessori e la pettinatura. Io devo farmi un’idea ben precisa di una persona che non ho mai visto prima e di cui non conosco nulla. Una chiacchierata, con caffè e la visione di album dei miei lavori può aiutarmi a capire cosa cerca, come vorrebbe vedersi. Qualche volta capita che non approvino inizialmente i miei suggerimenti a cambiare qualcosa nelle loro abitudini del make up, ma soltanto perché l’occhio è un organo abitudinario: ci vede sempre nello stesso modo e, se cambiamo, ci vede “strani”. Un po’ come quando tagliamo i capelli, oppure cambiamo il colore, o usiamo un rossetto diverso dal solito. Ecco, ci vede strani allo stesso modo se chiedo di cambiare abitudine per il make up degli occhi, usare più spesso le lentine (se si decide di non indossare occhiali quel giorno), oppure cambiare il disegno delle sopracciglia. Il mio lavoro consiste nel tirare fuori il meglio di voi stesse, presentarvi come principesse all’evento di cui siete protagoniste, facendovi sentire a vostro agio e non come un pesce fuor d’acqua. Questo fa il professionista a cui vi rivolgete: vi studia; insieme decidete le linee guida del make up (sempre in base alle vostre abitudini) e poi  studia su di voi il make up. Un make up che vi rappresenti, ma che vi contraddistingua e vi faccia principesse per una sera. Questo vuol dire trucco personalizzato, studiato per una di voi  e ogni donna è unica a suo modo. La mia più grande soddisfazione è vedere il vostro sorriso e la vostra gioia. Ho un grande privilegio nella vita, oltre che rendere bellissime le donne, quello di renderle regine della loro fiaba, aiutarle a vivere il loro sogno. Ne sono profondamente onorata anche se è una grande responsabilità. Grazie

Mascara-Occhi-535x300

Oggi parliamo di… Mascara

Il mascara è un alleato della bellezza femminile da tempo immemore. All’inizio era un prodotto compatto, l’equivalente di un ombretto in crema di adesso, si applicava con uno spazzolino (tipo quello da denti) ma di ridotte dimensioni, imbevuto di acqua per ammorbidire la crema compatta. Il colore era solo nero. Si utilizzava anche per le sopracciglia.

Negli anni, l’industria del make up è andata avanti, fino ad arrivare ad oggi che abbiamo l’imbarazzo della scelta per il prodotto da usare. Nella scelta del mascara, dobbiamo considerare il prodotto ma soprattutto il nostro obiettivo, tenendo conto di quale è la nostra situazione di partenza.

Se abbiamo:

Ciglia folte ma corte

Ciglia rade e corte

Ciglia lunghe ma rade

Quindi, cercheremo di avere ciglia lunghe e folte, obiettivo comune alla maggior parte delle donne, perché gli occhi saranno la calamita nel nostro sguardo. C’è da dire che l’industria li propone di tutti i tipi, nei colori più disparati e con gli scovolini (questo è il nome tecnico dell’applicatore) più diversi, ma a parte rari casi di obiettivi diversi (vedi l’effetto manga), alla fine è tutto a nostra scelta, quello con cui ci troviamo di più.

Vi  svelo un segreto: applicate il mascara in più step, ma soprattutto a piccole quantità. Applicate il mascara 3-4 volte (a seconda dell’effetto che volete avere) alternando ogni volta prima un occhio e poi l’altro. In questo modo tra uno step e il successivo il prodotto asciuga e voi applicherete senza problemi gli step successivi. Fatemi sapere il risultato…alla prossima 😜

DSC01019

L’infinito a… Villa Cimbrone

DSC01019

Cosa vedete in questa foto? Riuscite a vedere la linea di confine dove finisce il mare ed inizia il cielo? Ecco, probabilmente state strizzando gli occhi per capire e vedere meglio, come feci anch’io quando vidi questo panorama.

Villa Cimbrone è un luogo incantato, con un giardino bellissimo e il chiostro, dove ti aspetti di poter vedere uscire da un momento all’altro i personaggi di qualche film o libro letto. Tra le varie bellezze di questa villa c’è, appunto, questo viale che ha questo panorama.

DSC01023

Questo terrazzino a strapiombo sul mare è detto, appunto, “l’infinito”. Ravello, posto incantato, con un panorama senza eguali. Hai la sensazione d’essere sospesa… in attesa di qualcosa di non ben identificato. Non sai se andrai a tuffarti tra le onde o riuscirai a volare. Di certo questo luogo è surreale, silenzioso e ti porta alla riflessione, o anche a far zittire la mente e semplicemente guardare e godere di quelle bellezze. Non smetterò mai di dire che svolgo un lavoro bellissimo, dove ho la possibilità di vivere ogni giorno diverso dall’altro, di vedere sempre cose nuove e di conoscere persone di tutti i generi. Avere sempre sorprese, come questa. Questa villa è mèta di turisti e sposi, sia per le foto che per il ricevimento e io ci sono arrivata perché ero nel team che doveva realizzare un editoriale wedding, ma questa è un’altra storia.

[carousel-horizontal-posts-content-slider]